Persone

The Inadvertent Feminist

feminist blog 1
Dopo il post di ieri ho scritto su Facebook a Meg Swansen, figlia di Elizabeth Zimmermann ed ora a capo della Schoolhouse Press.

Eccola in inglese, e poi  tradotta in italiano, la nostra conversazione.

Dear Meg

I wrote this morning a post about EZ; the post was my reply to a knitter asking me if EZ was a feminist, somehow.
I wrote about her life, her self-confidence and about the hardships she and your father had to struggle with when they arrived in the USA.
But I think there is no one more intimate to EZ than you who can explains what EZ thought about women’s place in our society.

Cara Meg

Stamattina ho scritto un  post su EZ; il post è stata la mia risposta ad una knitter che mi chiedeva se EZ fosse stata una femminista, in qualche modo.
Ho scritto della sua vita, del suo avere fiducia in se stessa e delle difficoltà che lei e tuo padre dovettero affrontare quando arrivarono negli USA.
Ma penso che non ci sia nessuno  più  vicino di te a EZ che possa raccontarci cosa EZ pensasse del ruolo delle donne nella nostra società.

feminist blog 2

Dear Maria Rosa

Through GoogleTranslate, I was able to get a feel for what you wrote; thank you for the lovely post. My mother never considered herself to be a feminist. She was loathe to join movements (other than anti-war and anti-nuke organizations
), but she lived her life in such a way that she became a role model for other women. I guess you could call her an Inadvertent Feminist. Her attitude and philosophy toward knitting were no different from those she lived by, and in her scrapbooks are many many letters from women who wrote, “…you have changed my life”. Also – where did you find that photograph of my mother? I do not recognize it.

Cara Maria Rosa

Con GoogleTranslate ho potuto farmi un’idea di cosa hai scritto; grazie per il bel post. Mia mamma non si considerava una femminista. Era restia ad unirsi a movimenti (eccetto che ad organizzazioni pacifiste ed anti-nucleari), ma ha vissuto la sua vita in modo tale da diventare un modello di riferimento per altre donne. Penso che tu possa chiamarla una Femminista Involontaria. Il  suo atteggiamento e la sua filosofia nel lavoro a maglia non erano diversi da quelli che seguiva nella sua vita, e nei sui album dei ricordi ci sono molte lettere di donne che scrivevano, “…tu hai cambiato la mia vita”. Inoltre – dove hai trovato quella foto di mia mamma ? Non la conoscevo.

Thank you very much Meg for your reply. I found EZ’s portrait here:
http://www.joyknits.com/EZ.html

Grazie mille, Meg per la tua risposta. Ho trovato la foto di EZ qui:
http://www.joyknits.com/EZ.html

[Nella prima foto in alto EZ insegna a Meg a lavorare a maglia, nella seconda foto Meg Swansen tiene un corso al Knitting Camp tenuto Schoolhouse Press)

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>