Filati

Plötulopi. Prendeteci la mano ! (….ovvero, del mio amore per la lana islandese)

 

\r\n

plotu1\r\nVe lo ricordate questo post ? Da allora molte cose sono cambiate ma non il mio amore per la lana islandese.

\r\nNelle foto c’è la più particolare di tutte: l’Un-spun Icelandic ovvero la Plötulopi, ossia, in italiano, la lana non filata.\r\n\r\nPenserete che sia una lana fragilissima e che si spezzi facilmente, invece non è così: bisogna ricordarsi di srotolare il filo durante il lavoro tenendo le dita a non molta distanza dalla piadina.\r\n\r\nSi può lavorare ad un solo capo (preso dal centro della piadina), a due capi (uno dal centro ed uno dall’esterno) o a tre capi (presi da due piadine). Il che significa che potete farci tutto: dagli scialli ai maglioni alle giacche. Nonchè borse e contenitori da infeltrire.\r\n

plotu2

\r\n

plotu3

\r\n

Quindi,…..prendeteci la mano!

\r\n

plotu4

\r\n

P.S.: E se ancora non li avete visti, qui e qui due miei lavori fatti con la Plötulopi : ) mentre quello che vedete nella prima foto qui in alto è uno scialle ancora in corso d’opera.

Un gomitolo su “Plötulopi. Prendeteci la mano ! (….ovvero, del mio amore per la lana islandese)

  1. Buon giorno, cerco questo filato Plötulopinn\r\n\r\nLo vende ?\r\n\r\ngrazie\r\nsaluto\r\npaola

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>