Filati

Ladies and Gentlemen, Louisa Harding !

harding blog 1

Quando scelgo un filato la prima cosa che scelgo, insieme alla qualità della composizione, è l’emozione che dà lavorarlo, e spesso questa seconda emozione  la immagino ancora prima di averlo tra le mani.

Il primo filato di Louisa Harding che ho scelto per il nostro e-shop è stato Grace Hand Beaded, quando ci è arrivato ho capito che non potevamo offrirlo senza accompagnarlo alla versione senza perline, cioè a Grace Silk & Wool, non perchè da solo non si saprebbe cosa farne ma perchè insieme i due filati si esaltano a vicenda, come nel cappello della foto qui sotto.

harding blog 2

I filati di Louisa Harding sono una sola cosa con i suoi pattern.
Louisa Harding è una knit-designer. Per più di 10 anni ha lavorato in esclusiva per Rowan, poi, incoraggiata dal marito, ha iniziato la carriera da free-lancer finchè i maghi di Knitting Fever nel 2005 non l’hanno invitata a creare una propria linea di filati.

Ma sarebbe meglio dire che, ancora prima di essere una knit-designer, Louisa Harding è una stilista che ha fatto studi specifici, avendo conseguito una Laurea in Textiles for Fashion alla Brighton University. Che abbia una profonda conoscenza storica del suo settore lo si capisce bene quando cita Simonetta Vespucci per spiegare il suo interesse per l’uso delle perline nei tessuti e come le sia venuto in mente di creare un filato come Grace Hand Beaded.

Se, come a me, vi è venuta la curiosità di vedere che faccia abbia Louisa Harding, ecco una sua foto con stivali da cowboy mentre sorseggia un tè durante la presentazione di un suo libro in un negozio negli USA.

harding blog 3
Copyright The Flitter Knitter

Se invece preferite una versione meno statica : ) ecco una sua intervista.

harding blog 4
Simonetta Vespucci in un dipinto di Sandro Botticelli

Ritornando ai filati, il cappello che avete visto in questo post si chiama Tara ed il pattern gratuito è uno degli Himalayan Hats che Louisa Harding ha creato per sostenere la MacMillan, l’organizzazione che nel Regno Unito si occupa dell’assistenza ai malati di cancro e che nel 2011 ha aiutato suo marito Stephen colpito da un linfoma. Sul sito degli Himalayan Hats ne trovate altri 6; la raccomandazione è quella di donare in cambio qualcosa:

harding blog 5

Felice Knitting !!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>