Filati

In un (Malabrigo) Twist

\r\n

Nelle foto Cherrystone di Katya Frankel (Copyright Katya Frankel) in Malabrigo Twist Zinc 

\r\n \r\n

\r\n

\r\n

\r\n\r\nChi le ha provate lo sa: è difficile trovare lane così morbidi e dolci da lavorare come quelle di Malabrigo.\r\n\r\nUn progetto lavorato con un filato della Malabrigo ha più probabilità di altri di essere indossato, perché anche se siete tra quelle knitter che iniziano 100 progetti e ne portano a termine 2, forse 3, c’è sempre il piacere di sedersi e lavorare un po’ di punti con Malabrigo.\r\n\r\n \r\n\r\nLavorare la Malabrigo è come lavorare il burro della merino: soffice e tenero.\r\n\r\nL’unico inconveniente di una lana tenerissima è che si tenda ad usurarsi più facilmente delle altre; ed è per questo che in Uruguay hanno pensato alla Malabrigo Twist, più ritorta della Malabrigo Worsted ed ugualmente soffice (ed entrambe rientrano nella categoria Aran).\r\n\r\n

\r\n \r\n

\r\n

\r\n\r\n Nelle foto Revere House di Kristen Kapur (Copyright Kristen Kapur) in Malabrigo Twist \r\n\r\n \r\n\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

Sia che vogliate realizzare un cappellino o un progetto più impegnativo vi invitiamo a provare questa lana morbida, ma con carattere.

\r\n

\r\n

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>